Quattro modi per trasformare i rifiuti riciclati in materie prime

0
222
trasformare i rifiuti riciclati in materie prime oro

Le interruzioni economiche di COVID-19 hanno indotto molti ristoranti e attività di vendita al dettaglio a cercare modi per tagliare i costi e trovare nuovi flussi di entrate. Ma molte aziende non si rendono conto che fino al 40% della loro spazzatura – dalla plastica post-consumo come grucce e bottiglie d’acqua, a metalli, fibre e persino grasso alimentare – può essere dirottata dalle discariche per generare reddito.

Non si può negare che i prezzi delle materie prime riciclabili siano diminuiti da quando la Cina si è ritirata dal mercato nel 2018. Tuttavia, poiché più produttori nazionali investono nelle attrezzature e nelle strutture necessarie per recuperare i rifiuti, il mercato sta iniziando a rimbalzare. Anche se i prezzi potrebbero non raggiungere mai i massimi degli anni precedenti, le previsioni per il 2021-2023 sono promettenti, il che significa che ora è un ottimo momento per la tua azienda per avviare un programma di riciclaggio.

Ci sono molte ottime ragioni per riciclare i tuoi rifiuti. La rivendita dei rifiuti come merci può certamente generare reddito, ma può anche ridurre drasticamente i costi associati allo smaltimento dei rifiuti. Inoltre, la vendita di prodotti riciclabili può aiutarti a rispettare le normative statali e le ordinanze locali che limitano la quantità di rifiuti che invii in discarica. Naturalmente, il recupero di materie prime riciclabili può anche fare miracoli per la reputazione di un’azienda presso i consumatori. In un sondaggio condotto da Futerra, l’88% degli intervistati ha affermato di volere che i marchi li aiutino a essere più rispettosi dell’ambiente ed etici nella loro vita quotidiana.

Se le recenti turbolenze economiche ti hanno portato alla ricerca di modi creativi per bilanciare il tuo budget, ecco quattro suggerimenti per ottenere il massimo dalla tua gestione dei rifiuti e ottenere il massimo valore dai prodotti riciclabili.

Dai un’occhiata più da vicino alla tua spazzatura con controlli regolari dei rifiuti. Uno dei modi migliori per identificare i prodotti riciclabili è condurre controlli regolari sui rifiuti. Un audit approfondito valuta il flusso di rifiuti dal momento in cui l’inventario entra nella tua azienda fino a quando non viene lasciato per lo smaltimento. In una verifica dei rifiuti, un team qualificato esamina i carichi del compattatore mentre vengono scaricati nella discarica locale o nell’impianto di riciclaggio a uso misto (MRF). Il team esamina tutto nel compattatore, separando i rifiuti in categorie: cartone ondulato, plastica post-industriale e post-consumo, vetro e così via. Da lì, il team calcola quanto sono i rifiuti solidi urbani (RSU) e quanto sono materie prime riciclabili. Quindi identifica i potenziali luoghi in cui vendere le merci e mette insieme un piano di gestione dei rifiuti.

Eseguire il reverse engineering del flusso di rifiuti per massimizzare il volume e il valore. Le materie prime riciclabili vengono generalmente generate e identificate in due punti, a livello del punto vendita e nei centri di distribuzione. Alcune aziende mantengono le cose internamente a livello di negozio quando gestiscono i loro rifiuti riciclabili, mentre altre preferiscono lasciare tutto al loro DC Sebbene i DC vedano un volume maggiore di rifiuti, entrambi i punti della catena di approvvigionamento svolgono un ruolo importante nell’identificazione delle materie prime riciclabili.

Rintracciare i rifiuti dai DC ai singoli negozi è un modo per aumentare le entrate. Recentemente, un grande rivenditore a livello nazionale si è reso conto che i programmi di riciclaggio nei singoli negozi non massimizzavano il valore dei loro prodotti riciclabili. Ha cercato aiuto per eseguire un’analisi di logistica inversa del flusso di rifiuti. L’attività prevedeva la verifica dei rifiuti in ogni singolo negozio, l’identificazione di ciò che stava accadendo nel compattatore, quindi il consolidamento dei rifiuti di ogni negozio presso la DC per aumentare il volume complessivo delle merci vendute agli acquirenti. Poiché gli acquirenti pagano di più per le merci vendute all’ingrosso, il rivenditore è stato in grado di aumentare il valore dei suoi rifiuti e generare maggiori entrate.

Assicurati che il prezzo sia giusto per le tue merci di scarto. Molte aziende hanno rapporti di lunga data con i fornitori di gestione dei rifiuti. Tuttavia, affidarsi esclusivamente ai fornitori per trovare il prezzo migliore per i prodotti riciclabili non è sempre la migliore pratica. Anche le aziende più ben intenzionate possono diventare compiacenti e non sempre trasmettere le modifiche ai prezzi ai propri clienti. Di conseguenza, molte aziende non sono consapevoli dei cambiamenti del mercato che possono avere un impatto drammatico sul valore dei loro prodotti riciclabili. Per generare il massimo reddito dalle tue merci di scarto, cerca i prezzi quando i contratti con i tuoi fornitori di servizi di smaltimento vengono rinnovati. Pubblicazioni come RISI Fastmarkets pubblicano prezzi per diversi tipi di carta, sia a livello nazionale che internazionale; Fastmarketstiene traccia anche dei prezzi per vari gradi di metallo in una pubblicazione separata. Sfortunatamente, non esiste una pubblicazione equivalente per la plastica, il che può rendere difficile ottenere informazioni sui prezzi nel mercato secondario. Le pubblicazioni esistenti sono basate su abbonamento e possono essere molto costose.

Porta i professionisti. Un modo per assicurarti di ottenere il massimo dal tuo investimento è coinvolgere una terza parte esperta nella gestione dei rifiuti. Le aziende spesso hanno difficoltà a identificare quali prodotti di scarto hanno valore come merce. Un venditore qualificato può aiutarti a condurre una verifica dei rifiuti e identificare beni di valore, preparare un piano di gestione dei rifiuti, trovare acquirenti per i tuoi prodotti e formare il tuo personale sul corretto riciclaggio dei rifiuti in modo che nulla di redditizio sfugga alle fessure.

Con l’avvento della nuova tecnologia, molti rifiuti che un tempo erano destinati alla discarica possono essere recuperati come prodotti riciclabili. Tuttavia, può essere difficile stare al passo con un mercato in continua evoluzione e con gli ultimi sviluppi tecnologici. Collaborare con un fornitore esperto, condurre una verifica approfondita dei rifiuti, ricercare i prezzi delle materie prime e valutare la catena di approvvigionamento sono quattro modi in cui puoi trasformare la tua spazzatura in oro delle materie prime.

Previous articleRohit – Catalogo Punte per utensili
Next articleCuscinetti combinati NTN

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

11 − dieci =