L’intelligenza artificiale gestisce la rivendita di cibo fresco

0
172
L'intelligenza artificiale gestisce la rivendita di cibo fresco

Il perimetro del supermercato, con la sua frutta, verdura, carne fresca e pesce, ha sempre offerto ai droghieri uno strabiliante puzzle di filiera da risolvere. Le bacche vanno a male. L’età degli avocado. Le date di scadenza si profilano. La domanda è: come possono i negozi assicurarsi di avere abbastanza degli alimenti freschi che i loro clienti desiderano al momento giusto e maturo, riducendo al minimo le perdite da offerte passate o scadute?

Sempre più rivenditori sono pronti ad affrontare questo spinoso problema, mentre lavorano per ridurre gli sprechi alimentari, aumentare l’efficienza, rimanere competitivi e soddisfare le aspettative dei clienti durante la pandemia in corso. I supermercati hanno già affrontato una serie di sfide nell’ultimo anno, dalla carenza di carta igienica e le strozzature nelle consegne alla logistica dell’e-commerce e alle distanze sociali nei corridoi. È chiaro che migliorare gli ordini, l’inventario e il merchandising di alimenti freschi è positivo per gli affari.

Afresh Technologies, una startup con sede a San Francisco, è all’avanguardia nel contribuire a realizzare questo obiettivo. Afresh, la prima piattaforma di ottimizzazione della drogheria basata sull’intelligenza artificiale specializzata nelle sfide uniche del cibo fresco, ha raccolto $ 25 milioni di finanziamenti di serie A nel 2020, per un totale di quasi $ 33 milioni dal 2018. L’azienda afferma che i droghieri che utilizzano le sue soluzioni AI sono aumentati di fresco vendite di cibo del 3%, riduzione dello spreco di cibo in negozio fino al 50% e aumento del margine lordo dei prodotti freschi del 4%.

“La nostra grande visione era quella di creare un’azienda tecnologica che si concentrasse spietatamente sul cibo fresco, ovvero tutte le idiosincrasie e le complessità di quei prodotti”, afferma Matt Schwartz, CEO e co-fondatore di Afresh. “Riteniamo che ciò renda il cibo fresco meno dispendioso, molto più efficiente e redditizio e più accessibile a quante più persone possibile”.

Tecnologia esistente non ottimizzata per alimenti freschi

Secondo Schwartz, l’industria alimentare è stata in genere lenta ad abbandonare i metodi manuali e la tecnologia obsoleta perché, per la maggior parte, non ha dovuto farlo. Tuttavia, la maggiore concorrenza di Amazon e di altre opzioni di e-commerce significa che i supermercati devono trovare modi per ridurre i costi e soddisfare le richieste dei clienti.

“La maggior parte di ciò che i negozi di alimentari hanno da offrire arriva in una scatola contrassegnata da un codice a barre”, afferma. La tecnologia e le catene di approvvigionamento esistenti servono principalmente a questo modello, spiega, e non sono destinate ad aiutare i droghieri a passare a cibi più salutari, freschi e ricchi di nutrienti.

Uno dei maggiori punti deboli nel mondo del cibo fresco è l’ordinazione a livello di negozio. “Il solo decidere quante banane o avocado dovrebbero andare in un negozio ogni giorno è stato deciso in modo schiacciante su carta e penna”, afferma Schwartz. “Questo è stato il primo problema che volevamo risolvere.”

Tuttavia, non è un problema con una soluzione facile. Decine di complessità non glamour modellano la gestione del reparto alimenti freschi: per prima cosa, ci sono diverse unità di misura, come gli avocado che potrebbero essere venduti a peso, a busta o spediti a peso della cassa. Alcune verdure, come la lattuga, iniziano a evaporare e perdono peso man mano che si avvicinano alla data di scadenza, quindi è facile che l’inventario non sia accurato.

Altri problemi abbondano: un articolo organico potrebbe essere scansionato accidentalmente al momento del pagamento come convenzionale, ad esempio, il che influisce sulla precisione di ciò che è effettivamente nel negozio. E i problemi della catena di approvvigionamento, come bacche che arrivano ammuffite o camion per le consegne che rimangono bloccati nella neve, significano che il prodotto previsto potrebbe non essere disponibile, ma non riflesso adeguatamente nei dati del negozio.

“A differenza degli articoli con codici a barre, come Cheerios o Coca-Cola, il cibo fresco è dinamico e in continua evoluzione”, afferma Schwartz. “Ogni settimana potresti ruotare i prodotti, rivedere l’inventario e cambiare il layout del tuo assortimento fresco.”

Il sistema di Afresh aiuta i supermercati a pianificare in anticipo utilizzando l’intelligenza artificiale per analizzare la domanda precedente e le tendenze dei dati. Ciò consente ai droghieri di conservare il cibo fresco per il minor tempo possibile, riducendo le loro perdite e la quantità di spreco alimentare. “Usiamo l’intelligenza artificiale per caricare la nostra innovazione principale, che è una soluzione costruita appositamente per il cibo fresco”, afferma Schwartz. “Stiamo esaminando le vendite e le spedizioni, ma anche utilizzando un algoritmo per valutare ciò che pensiamo sia nel negozio, con un intervallo di confidenza che include quanto è deperibile l’articolo”. Quando i lavoratori che utilizzano lo strumento front-end di Afresh contano periodicamente l’inventario a mano, ciò continua ad aiutare ad addestrare il modello basato sull’intelligenza artificiale, aggiunge.

Per avere successo, Afresh aveva bisogno di appoggiarsi ai sistemi esistenti dei supermercati per renderlo facile da integrare e adottare, spiega Schwartz. “Sapevamo che dovevamo renderlo un moderno stack di software basato su cloud in cui il nostro sistema si connette con il sistema di dati di base di un droghiere per acquisire le vendite, i prezzi e la data di spedizione ogni notte”, afferma.

Un “cambiamento epocale” verso un nuovo futuro

James McCann, presidente e CEO di Food Retail Ventures ed ex CEO di Ahold USA, ha investito in Afresh e recentemente è entrato a far parte del consiglio di amministrazione della società. La tecnologia dell’azienda è rivoluzionaria e un gioco da ragazzi da adottare per i rivenditori, afferma. “Penso che le persone sarebbero sorprese di quanto sia complicata questa catena di approvvigionamento, con il tuo negozio di alimentari medio che porta prodotti da tutto il mondo per soddisfare la domanda durante tutto l’anno”, afferma. “E la gente sarebbe inorridita da quanto cibo perfettamente buono andrà sprecato solo perché non è più perfetto per la vendita.”

Il sistema di Afresh, aggiunge, è vantaggioso sia per il supermercato che per il cliente: “Il profitto del droghiere aumenterà del 25% perché sta ricevendo l’ordine giusto”, dice. “Ne prenderanno una parte, la reinvestiranno in prezzi più bassi, il che porterà più clienti”.

L’azienda ha raddoppiato l’organico dal 2019 al 2020 e attualmente conta 45 dipendenti. Si prevede che raddoppierà nuovamente le sue dimensioni nel 2021. “Abbiamo una grande crescita commerciale in arrivo e una tonnellata di slancio per i nostri prodotti esistenti”, afferma Schwartz. “Stiamo espandendo il nostro portafoglio di prodotti per gestire più funzionalità e più aree del negozio”.

Tutti gli sforzi dell’azienda per ottimizzare il cibo fresco, aggiunge, sono in linea con le tendenze del settore. “Pensiamo che il fresco sia il futuro”, afferma, indicando rivenditori come Dollar General, che ora offre frutta e verdura fresca in 870 negozi , nonché Kroger, rinominato “Fresh for Everyone” nel 2019, e Walmart, che ha portato cibo fresco nella parte anteriore dei suoi negozi.

“Vediamo questo come un cambiamento epocale pluridecennale, che guida verso un nuovo futuro”, afferma Schwartz.

Previous articleBussole e accessori SNR
Next articleFAG: catalogo cuscinetti a rulli cilindrici per elettromandrini

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here