Home Elettronica La carenza di chip semiconduttori offre una lezione per imparare dagli errori

La carenza di chip semiconduttori offre una lezione per imparare dagli errori

0
213
carenza di chip semiconduttori

Il 24 febbraio 2021, il presidente Joe Biden ha firmato un ordine esecutivo per affrontare la carenza globale di chip semiconduttori. Progettato come una revisione di 100 giorni dell’efficacia della catena di approvvigionamento e citando che gli Stati Uniti rappresentano il 12,5% della produzione di semiconduttori, questo EO fa parte di un flusso continuo di politiche che presumono che il made in America sia un bene per l’America. Il protezionismo è un ostacolo all’efficacia della catena di approvvigionamento.

Questa settimana, il settore automobilistico prevede il ritardo di un milione di veicoli nel primo trimestre a causa della carenza di semiconduttori. Sì, c’è una carenza di semiconduttori, ma potendo scegliere, preferiresti spedire un prodotto a un’azienda che paga in 30 giorni o 120? La crescente domanda nel settore dell’elettronica domestica con pratiche di supply chain più solide vincerà nel mercato competitivo dei chip semiconduttori.

La lezione è che solide pratiche di supply chain aiutano le aziende ad avere successo nei mercati mondiali. Se fossi l’amministrazione Biden, ignorerei i consigli di grandi società di consulenza che formano un consiglio di dirigenti di produzione per promuovere la competitività globale e progettare un atto di modernizzazione della catena di approvvigionamento .

Stiamo perdendo l’opportunità di costruire meglio?

La gestione della catena di fornitura migliora i risultati aziendali coordinando insieme i processi di produzione, approvvigionamento e consegna. Man mano che la catena di fornitura si è evoluta, è diventata più globale con una maggiore complessità. Il passaggio a una catena di fornitura globale aumenta sia le opportunità che i rischi, aumentando la necessità di pianificazione e collaborazione con i fornitori. Nessuno dei due è un punto di forza dell’industria automobilistica.

La pandemia Covid-19 mette alla prova la catena di approvvigionamento globale. In precedenti interruzioni della gestione del rischio, come un uragano o un’alluvione, si è verificato un evento e il settore si è quindi adeguato a una nuova normalità. Nella pandemia Covid-19, l’unica nuova normalità è il cambiamento costante. I leader aziendali stanno cavalcando le onde delle interruzioni dopo le interruzioni aumentando l’importanza della pianificazione aziendale e della collaborazione con i fornitori.

C’è una carenza mondiale di semiconduttori che danneggiano le aziende di auto e smartphone, ecco come possono trarne vantaggio gli investitori

Le aziende con processi di pianificazione della catena di approvvigionamento maturi hanno ottenuto risultati migliori in caso di pandemia. In una ricerca recente, troviamo capacità mature in ordine promettente, pianificazione della produzione e pianificazione di vendite e operazioni (S&OP), migliora l’agilità e la resilienza. Quando si tratta di pianificazione, l’industria high-tech supera quella automobilistica.

Sulla base delle risposte di 118 intervistati nel settore manifatturiero, durante la pandemia autovalutano le loro catene di approvvigionamento su una scala da uno a cinque, dove cinque rappresenta un punteggio elevato, ci sono molte lezioni da imparare. Durante la pandemia, le catene di approvvigionamento sono diventate più reattive – più riunioni e iniziative una tantum – ma non più proattive o efficaci. In breve, i fattori principali della carenza di semiconduttori sono un aumento della domanda di mercato e la mancanza di un’efficace pianificazione del settore e di collaborazione con i fornitori.

In questa discussione, le definizioni precise sono fondamentali. Una catena di approvvigionamento reattiva abbina il ciclo della risposta alla catena di approvvigionamento con le aspettative del mercato. Al contrario, una catena di fornitura agile ha lo stesso costo, qualità e servizio clienti dato il livello di variabilità della domanda e dell’offerta. Una risposta resiliente alla catena di approvvigionamento produce risultati di bilancio coerenti in termini di crescita, margine, rotazione delle scorte e ritorno sul capitale investito (ROIC). Si noti che le catene di approvvigionamento sono diventate meno resilienti, agili e proattive durante la pandemia. La risposta è progettare la risposta della catena di approvvigionamento e utilizzare i dati di mercato per allineare le reti.

Incartare

L’impronta della pandemia ridefinirà i processi della catena di approvvigionamento. Stiamo vivendo in un caso di studio sulla catena di approvvigionamento. Joe, la risposta non è il protezionismo e una politica made in America; la domanda giusta è come costruire meglio sulla base delle lezioni apprese. Questa è un’opportunità per guidare.

Previous articleMagneti Marelli: catalogo carburatori Weber
Next articleCuscinetti ad una corona di rulli conici SKF

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

diciotto − dieci =