Cinque tendenze che definiranno le catene di approvvigionamento quest’anno

0
229
catene di approvvigionamento

Nel 2020, pochi erano preparati a quanto spesso le catene di approvvigionamento avrebbero conquistato i titoli dei giornali mentre le industrie si affrettavano a far fronte a una pandemia globale e, alla fine dell’anno, formulavano vaccini di cui c’era bisogno che porteranno a prospettive migliori nel 2021. Finora, questo l’anno sta cercando di essere altrettanto ricco di eventi.

Come possiamo prepararci per il prossimo anno e creare catene di approvvigionamento più affidabili nel processo? Ci sono cinque tendenze chiave che vedo svilupparsi nel corso del prossimo anno, che andranno a vantaggio delle aziende che abbracciano il pensiero innovativo e graveranno su coloro che sono in ritardo.

Ecco dove vedo le maggiori opportunità nel prossimo anno.

  1. Le catene di approvvigionamento diventeranno più resilienti. Assisteremo a un passaggio a modelli di supply chain digitale più resilienti poiché le aziende si concentreranno sull’espansione o sulla trasformazione delle capacità per essere più reattive. Per diventare più resilienti, le aziende dovranno migliorare la visibilità e la collaborazione attraverso tutti i livelli delle loro catene di approvvigionamento per trovare fonti alternative per le risorse chiave e tenere traccia delle scorte in qualsiasi momento. In risposta a cambiamenti improvvisi, dovranno anche diventare abbastanza agili da passare rapidamente a fornitori alternativi o reindirizzare le spedizioni in transito.
  2. I dirigenti della catena di fornitura saranno meno tolleranti nei confronti del rischio.  Per ridurre i costi, le aziende hanno globalizzato le catene di approvvigionamento e, come ha dimostrato la pandemia, hanno aumentato il rischio di interruzioni. Abbiamo visto il lato negativo di questa strategia durante la pandemia, poiché i corridoi della carta igienica e i display dei disinfettanti per le mani erano vuoti mentre la domanda dei consumatori saliva alle stelle. Sebbene quegli articoli fossero emblematici della carenza di pandemia, qualsiasi azienda che ha acquistato prodotti o materiali chiave dalla Cina e non ha mantenuto un inventario intermedio ha sofferto durante lo scorso anno. Ecco perché nel 2021 le aziende hanno iniziato a introdurre più strategie di mitigazione del rischio, comprese strategie di approvvigionamento alternative, ottimizzazione delle scorte e bilanciamento di off-shore, near-shoring e on-shoring.
  3. Le catene di approvvigionamento apriranno la strada alla sostenibilità. Ci sarà una maggiore spinta verso la sostenibilità per ridurre al minimo l’impatto ambientale e massimizzare le risorse. Prima della pandemia, i consumatori chiedevano sempre più prodotti di provenienza etica, fabbricati e consegnati attraverso processi a emissioni zero da aziende sostenibili. Quel pensiero ha preso in gran parte un passo indietro durante la pandemia, poiché produttori e consumatori si sono concentrati sull’accesso all’essenziale più di ogni altra considerazione. Tuttavia, la sostenibilità sarà un obiettivo crescente per le organizzazioni di tutti i settori nei prossimi anni mentre cercano di raggiungere gli obiettivi interni, soddisfare la domanda dei consumatori e rispettare le normative. Secondo un recente sondaggio di Oxford Economics, la maggior parte dei leader sta già affrontando problemi di sostenibilità in almeno alcuni dei loro prodotti in produzione, ingegneria e consegna, con oltre due terzi (69%) che affermano di aver ampiamente implementato pratiche sostenibili.
  4. Le reti aziendali verranno in primo piano.Poiché le aziende hanno cercato di migliorare il servizio e la soddisfazione dei clienti, hanno guardato sempre più al loro ecosistema di partner (ad esempio, produttori a contratto, fornitori di servizi logistici, team di manutenzione di terze parti e lavoratori contingenti) per fornire servizi o soluzioni chiave. Mentre ci sforziamo di soddisfare le crescenti richieste e aspettative dei clienti, vediamo che nessuna azienda può farlo da sola e si affiderà invece a una rete di partner globali. Per soddisfare le esigenze di questo straordinario anno scorso, le aziende si sono concentrate sulle loro competenze principali e hanno sempre più guardato ai partner per fornire servizi e capacità complementari. Esempi potrebbero essere un aumento di produttori a contratto, fornitori di servizi per integrare una forza lavoro o partner logistici che possono aiutare a spostare le merci.
  5. La tecnologia continuerà a guidare la digitalizzazione. Man mano che le aziende tentano di aumentare il volume di produzione rispettando le linee guida di distanziamento sociale, vedremo più robotica e automazione aumentare la forza lavoro. Vedremo anche strumenti accelerati che renderanno i dipendenti più produttivi e informati, dai macchinari pesanti abilitati all’intelligenza artificiale alla pianificazione del personale più intelligente. Man mano che vengono creati nuovi strumenti innovativi per soddisfare le esigenze dell’industria moderna, le aziende passeranno sempre più al cloud, consentendo reti più efficienti e una maggiore resilienza.

Anche se non posso prevedere esattamente cosa porterà quest’anno, posso dirti che continueranno a verificarsi interruzioni impreviste. La causa dell’interruzione varierà, dai conflitti geopolitici o commerciali ai disastri naturali alla disponibilità limitata delle risorse. E ciò che sarà necessario per gestire queste interruzioni sono processi aziendali flessibili che non solo riducano al minimo e mitigino il rischio, ma anche individuino, identifichino e sfruttino le opportunità. Le imprese che sviluppano strategie di continuità operativa, diversificano le fonti di materie prime preziose e non si affidano esclusivamente a un’area geografica per la produzione saranno ricompensate per il loro approccio lungimirante.

Previous articleMagneti Marelli – Catalogo Valvole EGR
Next articleMagneti Marelli – Catalogo pdf molle ad aria

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here